4° Classificata “ II Contest Poesia Sacra” e Menzione speciale del Pubblico. 01 agosto 2015

                                              I SIEI RI MATINA           

Nu iornu ri sta vita

mi innì ai siei ri matina

a fari na passiata,

a pigghiari ‘na ndiccia ri aria.

Scinnì vicinu a lu mari

e  viria u suli accianari.

Supra a rina c’era ‘nu picciriddu:

com’era vistutu paria ‘nu pupiddu.

Ca a manuzza stava scriviennu

e io mi misi a taliari chi stava faciennu.

Avia scrittu ‘nterra: “U Signuri sta cianciennu,

nautra vota na cruci u stati mittiennu”.

Mi firmai e ci addumannai:

“Cu su chisti, nicu miu,

ca fanu mali au Signuruzzu miu?”.

Iddu mi taliau e ‘ma rispunniu:

“Tu si u primu, gioia miu.

Vai a Chiesa, si tantu beddu,

poi nesci fora, pigghi u cutieddu,

ancuminci a tagghiari a tutti

e pi tri soddi vinni u Signuri

e nautra vota u mietti ‘n cruci.”

Eranu i siei ri matina

quannu m’arrispiddiai

e ‘ra accussì nun ciava ciantu mai.

Mi passai na munu supra a cuscienza

e ancuminciai a fari penitenza:

U Signuri ciancia pi cuppa mia,

Ma ‘ndumannai comu putia?

Eranu i siei ri matina

Quannu canciau a vita mia,

quannu ancuminciai a siri cristianu,

quannu u Signuri mi pigghiau pa’ manu.

 

Paola Ciurcina

 

TRADUZIONE:   LE SEI DI MATTINA

 Un giorno di codesta vita

Andai alle sei di mattina

A fare una bella passeggiata,

a prendere una boccata d’aria.

Scesi vicino al mare

E vedevo il sorgere del sole.

Sopra la sabbia vi era un bambino:

com’era vestito sembrava un bambolotto.

Stava scrivendo con la manina

E io guardai che cosa stava facendo.

Scriveva per terra: “Il Signore sta piangendo,

di nuovo lo state crocifiggendo”.

Io mi fermai e gli chiesi:

“Chi sono costoro, piccolo mio,

che fanno del male al mio Signore?”

Questi mi guardò e mi rispose:

“Tu sei il primo, gioia mio.

Frequenti la chiesa, sei tanto devoto,

poi appena sei fuori

prendi il coltello,

incominci a ferire tutti

e per tre denari vendi il Signore

e nuovamente lo fai crocifiggere”.

Erano le sei di mattina

Quando mi svegliai:

non avevo mai pianto così amaramente.

Mi feci un esame di coscienza

E iniziai il mio pentimento:

il Signore piangeva a causa mia,

mi chiesi come potevo mai?

Erano le sei di mattina

Quando cambiò la mia vita,

quando incominciai a essere un vero cristiano,

quando il Signore mi prese per mano.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *